menu chiudi menu

Paginetta per i catechisti: La Saggezza, prodotto D.O.C

19489401_10209954185116114_1906922993_nOmelia della XVII Domenica del tempo Ordinario
La Saggezza: prodotto D.O.C.

Carissimi/e catechisti/e,
la Parola di Dio oggi è particolarmente affascinante; la prima “bella notizia” è che l’uomo è ancora, per vocazione divina, un cercatore di tesori nascosti e di perle preziose; non quelle che si vendono sul mercato a basso prezzo, “taroccate” o “contraffatte”, che puoi trovare ai mercatini senza cercare molto, senza “scavare” nel profondo del terreno o “scendere” nelle profondità marine, senza faticare e sudare per trovarle e soprattutto senza rischiare; quante immagini contraffatte troviamo sul mercato della vita della famiglia cristiana, del padre spirituale o del sano divertimento per esempio. Quanta stoltezza venduta per saggezza e se non abbiamo bravi consiglieri rischiamo tutti di fare la mia fine quando vado a spendere qualcosa; per mia inesperienza facilmente possono raggirarmi: andiamo allora da bravi e veri consiglieri, uomini di Dio, i sacerdoti, perle della Misericordia di Gesù, per non sbagliare e trovare la Sapienza di Dio, che è Gesù, tesoro nascosto e prezioso, unico per il quale vale la pena perdere tutto il resto e considerarlo spazzatura. Egli è il più grande tesoro da custodire e mai disperdere; l’immagine che Gesù utilizza è quella dell’uomo che trova il tesoro e una volta nascosto, vende tutto con gioia, per comprare quel campo dove è nascosto il tesoro. A me sembra tanto il contrario di quello che oggi avviene sul piano dello spirito: siccome in realtà non diamo questo grande valore alla fede e la consideriamo qualcosa di importanza secondaria, come “scontata”, “un peso”, forse un’inciampo o addirittura una credenza adatta ai bambini, succede oggi facilmente che la perdiamo, come un fiore appassito per la mancanza di acqua. Fioriscono nel mio cuore perciò tante domande: chi è Gesù per me? Quanta importanza ha nella mia vita? Di fronte alle tante distrazioni e tentazioni del nostro tempo, quanto sono disposto a non cedere, se in gioco è la fede e la fedeltà agli impegni che l’Amore a Gesù comporta? Quanto è quotata in borsa la mia fede? Sono disposto a tutto pur di non perderla? Noi, che restiamo profondamente dei cercatori di perle preziose, sappiamo che col Battesimo “possediamo” già questa perla? La Parola di Dio è molto chiara, perché ci spinge a riflettere che credere comporta delle scelte; non possiamo avere “la moglie ubriaca e la botte piena”, non possiamo continuare a vivere, come se la fede non incida nelle nostre scelte. La prima lettura ci fa intravedere la stessa Parola come la vera fonte della Sapienza di vita, un tesoro a cui attingere sempre, capace di donarci la capacità di discernimento del bene e del male, come risplende agli occhi di Dio: Salomone, “ragazzo dal cuore docile”, ne è stato capace, fidandosi della Promessa di Dio, e finché è rimasto fedele a Dio e alla sua Legge, è stato ammirato anche in terra pagana, se solo pensiamo che ancora oggi è citata la sua saggezza in campo giudiziario. Mi viene in mente l’immagine del pellegrino che è chiamato a compiere un viaggio; non può portare molte cose nella sua bisaccia, altrimenti non raggiungerà la meta, ma solo quello che è essenziale; ecco, carissimi giovani soprattutto, proprio quello che il mondo ci invita a gettare via perché inutile ed ingombrante, invece oggi ci vien detto che è proprio essenziale e senza, rischiamo di fermarci per strada, esauriti e sfiniti dalla stanchezza, come oggi spesso appare l’uomo nostro contemporaneo.

Don Luigi

27/07/2017 | News, Ufficio Catechistico | Commenti disabilitati su Paginetta per i catechisti: La Saggezza, prodotto D.O.C

I commenti sono chiusi.