menu chiudi menu

S. Messa nel Mercoledì delle Ceneri – 2 marzo 2022

Dopo i testi della Messa, troverete una selezione di canti consigliati per la Celebrazione.

RITI DI INTRODUZIONE

ANTIFONA D’INGRESSO

Tu ami tutte le creature, o Signore,
e nulla disprezzi di ciò che hai creato;
tu chiudi gli occhi sui peccati degli uomini,
aspettando il loro pentimento,
e li perdoni, perché tu sei il Signore nostro Dio.
(Cf. Sap 11,24.23.26)

C. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
A. Amen.

C. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi.
A. E con il tuo Spirito.

Si omette l’atto penitenziale, sostituito dal rito di imposizione delle ceneri.

COLLETTA

O Dio, nostro Padre,
concedi al popolo cristiano
di iniziare con questo digiuno
un cammino di vera conversione,
per affrontare vittoriosamente con le armi della penitenza
il combattimento contro lo spirito del male.
Per il nostro Signore Gesù Cristo,
tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
Amen.

LITURGIA DELLA PAROLA

PRIMA LETTURA

Dal libro del profeta Gioèle

Laceratevi il cuore e non le vesti. ( Gl 2,12-18 )

Così dice il Signore:
«Ritornate a me con tutto il cuore,
con digiuni, con pianti e lamenti.
Laceratevi il cuore e non le vesti,
ritornate al Signore, vostro Dio,
perché egli è misericordioso e pietoso,
lento all’ira, di grande amore,
pronto a ravvedersi riguardo al male».
Chi sa che non cambi e si ravveda
e lasci dietro a sé una benedizione?
Offerta e libagione per il Signore, vostro Dio.
Suonate il corno in Sion,
proclamate un solenne digiuno,
convocate una riunione sacra.
Radunate il popolo,
indite un’assemblea solenne,
chiamate i vecchi,
riunite i fanciulli, i bambini lattanti;
esca lo sposo dalla sua camera
e la sposa dal suo talamo.
Tra il vestibolo e l’altare piangano
i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano:
«Perdona, Signore, al tuo popolo
e non esporre la tua eredità al ludibrio
e alla derisione delle genti».
Perché si dovrebbe dire fra i popoli:
«Dov’è il loro Dio?».
Il Signore si mostra geloso per la sua terra
e si muove a compassione del suo popolo.

Parola di Dio.
Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE (Sal 50)

Rit: Perdonaci, Signore: abbiamo peccato.

Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;
nella tua grande misericordia
cancella la mia iniquità.
Lavami tutto dalla mia colpa,
dal mio peccato rendimi puro.

Sì, le mie iniquità io le riconosco,
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.
Contro di te, contro te solo ho peccato,
quello che è male ai tuoi occhi, io l’ho fatto.

Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non scacciarmi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

Rendimi la gioia della tua salvezza,
sostienimi con uno spirito generoso.
Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca proclami la tua lode.

SECONDA LETTURA

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Riconciliatevi con Dio. Ecco ora il momento favorevole. ( 2Cor 5,20-6,2 )

Fratelli, noi, in nome di Cristo, siamo ambasciatori: per mezzo nostro è Dio stesso che esorta. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo fece peccato in nostro favore, perché in lui noi potessimo diventare giustizia di Dio.
Poiché siamo suoi collaboratori, vi esortiamo a non accogliere invano la grazia di Dio. Egli dice infatti:
«Al momento favorevole ti ho esaudito
e nel giorno della salvezza ti ho soccorso».
Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!

Parola di Dio.
Rendiamo grazie a Dio.

Canto al Vangelo

Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria.
Oggi non indurite il vostro cuore,
ma ascoltate la voce del Signore. (Sal 94,8)
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria.

VANGELO

Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. ( Mt 6,1-6.16-18 )

Il Signore sia con voi.
E con il tuo Spirito.
Dal Vangelo secondo Matteo.

Gloria a te, o Signore.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

Parola del Signore.
Lode a te, o Cristo.

OMELIA

BENEDIZIONE ED IMPOSIZIONE DELLE CENERI

Fratelli e sorelle, supplichiamo Dio nostro Padre
perché con l’abbondanza della sua grazia
benedica queste ceneri, che poniamo sul nostro capo
in segno di penitenza.

O Dio, che hai pietà di chi si pente
e doni la tua pace a chi si converte,
ascolta con paterna bontà
le preghiere del tuo popolo
e benedici questi tuoi figli
che riceveranno l’austero simbolo delle ceneri,
perché, attraverso l’itinerario spirituale della Quaresima,
giungano completamente rinnovati
a celebrare la Pasqua del tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Oppure:
O Dio, che non vuoi la morte dei peccatori
ma la conversione,
ascolta benigno la nostra preghiera
e benedici queste ceneri,
che stiamo per imporre sul nostro capo
riconoscendo che noi siamo polvere
e in polvere ritorneremo;
l’esercizio della penitenza quaresimale
ci ottenga il perdono dei peccati
e una vita rinnovata a immagine del tuo Figlio risorto.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.

E, senza nulla dire, asperge le ceneri con l’acqua benedetta.
I fedeli si presentano al sacerdote ed egli impone a ciascuno le ceneri, dicendo:
Convertitevi e credete nel Vangelo.
Oppure:
Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai.

____________________________________________________

«Nota sul Mercoledì delle ceneri – Imposizione delle ceneri in tempo di pandemia.

Pronunciata la preghiera di benedizione delle ceneri e dopo averle asperse con l’acqua benedetta, senza nulla dire, il sacerdote, rivolto ai presenti, dice una volta sola per tutti la formula come nel Messale Romano: “Convertitevi e credete al Vangelo”, oppure: “Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai”.

Quindi il sacerdote asterge le mani e indossa la mascherina a protezione di naso e bocca, poi impone le ceneri a quanti si avvicinano a lui o, se opportuno, egli stesso si avvicina a quanti stanno in piedi al loro posto. Il sacerdote prende le ceneri e le lascia cadere sul capo di ciascuno, senza dire nulla.
____________________________________________________

Intanto si cantano le seguenti antifone (che si possono ripetere dopo ogni singolo versetto del Salmo 50), il Responsorio oppure un altro canto adatto.

Antifona 1 (Cf. Gl 2, 13)
Ritorniamo al Signore con tutto il cuore,
in spirito di umiltà e di penitenza:
egli è pietà e misericordia,
pronto a perdonare ogni peccato.

Antifona 2 (Cf. Gl 2, 17; Est 4, 17h)
Tra il vestibolo e l’altare
piangano i sacerdoti, ministri del Signore,
e dicano: «Perdona, Signore! Perdona il tuo popolo,
e non far scomparire coloro che ti lodano».

Antifona 3
(Cf. Sal 50, 3)
Nella tua grande misericordia, o Dio,
cancella il mio peccato.

Responsorio (Cf. Sal 78, 9)
R/ . Rinnoviamoci e ripariamo il male che, incoscienti, abbiamo commesso,
perché non ci sorprenda la morte e non ci manchi il tempo di convertirci.
* Sii paziente con noi, o Signore, e perdonaci perché abbiamo peccato contro di te.
V/ . Aiutaci, o Dio, nostra salvezza, liberaci e perdona i nostri peccati, per la gloria del tuo nome.
* Sii paziente con noi, o Signore, e perdonaci perché abbiamo peccato contro di te.

Terminata l’imposizione delle ceneri, il sacerdote si lava le mani e continua con la Preghiera universale. La Messa prosegue nel modo consueto. Non si dice il Credo.

PREGHIERE DEI FEDELI

C. Fratelli e sorelle, l’itinerario penitenziale della Quaresima ci invita a intensificare la nostra adesione a Cristo, modello dell’umanità rinnovata nell’amore. Decisi a seguire fedelmente le orme del Maestro, innalziamo al Padre la nostra umile e perseverante preghiera.

L. Preghiamo insieme e diciamo: Crea in noi, Signore, un cuore nuovo.

L. Per la santa Chiesa: l’austero rito delle Ceneri, che apre il tempo di Quaresima, susciti in tutti i battezzati il desiderio di un cuore nuovo, purificato dall’azione dello Spirito. Preghiamo.

L. Per i vescovi, i presbiteri e i diaconi: formati dall’ascolto umile e obbediente del Verbo di Dio, ridestino in tutti i credenti la fame della Parola e la volontà di un’autentica conversione. Preghiamo.

L. Per gli uomini e le donne del nostro tempo: riconoscenti per gli innumerevoli benefici ricevuti, siano attenti alle sofferenze dei fratelli e compiano gesti di gioiosa condivisione. Preghiamo.

L. Per i malati e i sofferenti: la vicinanza assidua e premurosa della comunità cristiana li sostenga nella lotta contro il male, con la certezza di partecipare in Cristo alla vittoria pasquale. Preghiamo.

L. Per noi qui presenti: illuminati dalla parola di Dio e fortificati dal Pane di vita, ci lasciamo attrarre con cuore aperto dalla grazia della Pasqua. Preghiamo.

C. O Dio, Padre misericordioso, rendici la gioia di essere salvati e guidaci, con la forza del tuo Spirito, alla grande festa che tu prepari per i tuoi figli. Per Cristo nostro Signore.
Amen.

LITURGIA EUCARISTICA

PREGHIERA SULLE OFFERTE

Con questo sacrificio, o Padre,
iniziamo solennemente la Quaresima
e invochiamo la forza di astenerci dai nostri vizi
con le opere di carità e di penitenza
per giungere, liberati dal peccato,
a celebrare devotamente la Pasqua del tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.

PREFAZIO E PREGHIERA EUCARISTICA

Prefazio di Quaresima III o IV

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Tu vuoi che ti glorifichiamo
con la penitenza quaresimale,
perché la vittoria sul nostro peccato
ci renda disponibili alle necessità dei poveri
a imitazione della tua bontà infinita.
E noi, uniti a tutti gli angeli,
cantiamo a una sola voce l’inno della tua gloria:
Santo, …

oppure

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Con il digiuno quaresimale
tu vinci le nostre passioni, elevi lo spirito,
infondi la forza e doni il premio,
per Cristo Signore nostro.
Per mezzo di lui gli Angeli lodano la tua gloria,
le Dominazioni ti adorano,
le Potenze ti venerano con tremore;
a te inneggiano i cieli dei cieli e i Serafini,
Al loro canto concedi, o Signore,
che si uniscano le nostre umili voci nell’inno di lode:
Santo, …

ANAMNESI

Mistero della fede.
Tu ci hai redenti con la tua croce
e la tua risurrezione:
salvaci, o Salvatore del mondo.

RITI DI COMUNIONE

PREGHIERA DEL SIGNORE

Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male.

ANTIFONA DI COMUNIONE

Chi medita giorno e notte la legge del Signore,
porterà frutto a suo tempo. (Cf. Sal 1,2-3)

Oppure:
Prega il Padre tuo, che è nel segreto,
e il Padre tuo, che vede nel segreto,
ti ricompenserà. (Mt 6,6)

PREGHIERA DOPO LA COMUNIONE

Questo sacramento che abbiamo ricevuto, o Padre,
ci sostenga nel cammino quaresimale,
santifichi il nostro digiuno
e lo renda efficace per la guarigione del nostro spirito.
Per Cristo nostro Signore. 
Amen.

ORAZIONE SUL POPOLO

Il Signore sia con voi.
E con il tuo spirito.

Inchinatevi per la benedizione.

A questo popolo che riconosce la tua grandezza
dona con bontà, o Dio, lo spirito di penitenza,
perché nella tua misericordia ottenga di giungere
all’eredità promessa a chi si converte.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio e Spirito Santo,
discenda su di voi e con voi rimanga sempre.
Amen.

CANTI CONSIGLIATI

Canto di ingresso

ATTENDE DOMINE

Rit. Attende, Domine, et miserere, quia peccavimus tibi.

1. Ad te, Rex summe, omnium Redemptor, oculos nostros sublevamus flentes: exaudi, Christe, supplicantum preces.

2. Dextera Patris, lapis angularis, via salutis, janua caelestis, ablue nostri maculas delicti.

3. Rogamus, Deus, tuam majestatem: auribus sacris gemitus exaudi: crimina nostra placidus indulge.

4. Tibi fatemur crimina admissa: contrito corde pandimus occulta: tua, Redemptor, pietas ignoscat.

5. Innocens captus, nec repugnans ductus, testibus falsis pro impiis damnatus: quos redemisti, tu conserva, Christe.

____________________________________________________

SIGNORE ASCOLTA

Rit. Signore, ascolta: Padre perdona! Fa’ che vediamo il tuo amore.

1. A te guardiamo, Redentore nostro; da te speriamo gioia di salvezza, fa’ che troviamo grazia di perdono.

2. Ti confessiamo ogni nostra colpa; riconosciamo ogni nostro errore; e ti preghiamo: dona il tuo perdono.

3. O buon Pastore, tu che dai la vita; Parola certa, Roccia che non muta: perdona ancora, con pietà infinita.

Canti per l’imposizione delle Ceneri

MISERERE (Salmo 50)

Rit. Miserere mei, Domine. Miserere mei, Domine.

1. Pietà di me, o Dio, per la tua misericordia, nel tuo grande amore cancella il mio peccato. Lavami da tutte le colpe e dal mio peccato mondami. La mia colpa conosco, dinanzi ho il mio peccato.

2. Contro te solo ho peccato, ciò che è male io l’ho fatto; è giusta la tua parola e retto è il tuo giudizio. Nella colpa son generato, nel peccato concepito. Ma tu vuoi un cuore sincero, sapienza tu mi insegni.

3. Purificami con issopo e sarò da te mondato, lavami e sarò più bianco, più bianco della neve. Fammi sentire la gioia e dammi la letizia, esulteranno le ossa che tu mi hai spezzato.

4. Dai miei peccati distogliti e cancella le mie colpe. Crea in me un cuore puro, rinnova in me lo spirito. Non mi respingere, o Dio, e non togliermi il tuo spirito. Rendimi la tua gioia, sostieni la mia vita.

5. Insegnerò agli erranti le vie del tuo amore e torneranno con gioia a te i peccatori. Liberami dal sangue, o Dio, Signore di salvezza. E la mia lingua esalti la tua giustizia.

6. Apri le mie labbra, Signore, proclamino la lode, perché il sacrificio, l’offerta non gradisci. Uno spirito contrito a Dio è sacrificio. Un cuore affranto e umiliato, o Dio, tu non disprezzi.

7. Nel tuo grande amore fa’ grazia a Sion, ed innalza le mura di Gerusalemme. Accoglierai il sacrificio, preghiera ed olocausto, allora sopra il tuo altare le offerte saliranno.

PURIFICAMI O SIGNORE

Rit. Purificami, o Signore: sarò più bianco della neve.

1. Pietà di me, o Dio, nel tuo amore; nel tuo affetto cancella il mio peccato e lavami da ogni mia colpa, purificami da ogni mio errore.

2. Il mio peccato, io lo riconosco; il mio errore, mi è sempre dinanzi; contro te, contro te solo ho peccato; quello che è male ai tuoi occhi, io l’ho fatto.

3. Così sei giusto nel parlare e limpido nel tuo giudicare; ecco, malvagio sono nato, peccatore mi ha concepito mia madre.

4. Fammi udire gioia e allegrezza: esulteranno le ossa umiliate; dai miei errori nascondi il tuo volto, non mi togliere il tuo spirito di santità.

5. Crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito fermo; non cacciarmi lontano dal tuo volto, non mi togliere il tuo spirito di santità.

6. Ecco, ti piace verità nell’infinito, e nel profondo mi insegni sapienza. Se mi purifichi con issopo, sono limpido; se mi lavi, sono più bianco della neve.

7. Le vittime non ti son gradite: se ti offro un olocausto, non lo vuoi; la mia vittima è il mio spirito affranto: non disprezzi un cuore affranto o fiaccato.

8. Ritorni in me la tua gioia di salvezza, sorreggi in me uno spirito risoluto. Insegnerò ai peccatori le tue vie e gli erranti ritorneranno a te.

9. Liberami dal sangue, o Dio, mia salvezza, e la mia lingua griderà la tua giustizia. Signore, aprirai le mie labbra, la mia bocca annuncerà la tua lode.

10. Sia gloria al Padre onnipotente, al Figlio, Gesù Cristo, Signore; allo Spirito Santo, Amore, nei secoli dei secoli. Amen.

Canto di Offertorio

BENEDICI IL SIGNORE

Rit. Benedici il Signore, anima mia, quant’è in me benedica il suo nome; non dimenticherò tutti i suoi benefici, benedici il Signore, anima mia.

1. Lui perdona tutte le tue colpe e ti salva dalla morte. Ti corona di grazia e ti sazia di beni nella tua giovinezza.

2. Il Signore agisce con giustizia, con amore verso i poveri. Rivelò a Mosé le sue vie, ad Israele le sue grandi opere.

3. Il Signore è buono e pietoso, lento all’ira e grande nell’amor. Non conserva in eterno il suo sdegno e la sua ira verso i nostri peccati.

4. Come dista oriente da occidente allontana le tue colpe. Perché sa che di polvere siam tutti noi plasmati, come l’erba i nostri giorni.

Canti alla Comunione

ASCOLTA CREATORE PIETOSO

1. Ascolta, Creatore pietoso, le nostre preghiere e le lacrime che in questo tempo santo t’offriamo nella penitenza. Tu scruti le menti e i cuori, conosci le nostre miserie; a noi che torniamo pentiti concedi la grazia del perdono.

Rit. Pietà di noi, pietà di noi, pietà di noi, Signore. Ascolta la nostra supplica, ascolta e perdona.

2. È grande il nostro peccato, ma il tuo amore è più grande. A gloria del tuo santo nome ai deboli dona il tuo balsamo. Col giogo della penitenza correggi il corpo ribelle e l’anima libera sciogli dagli aspri legami del peccato.

SCUSA, SIGNORE

1. Scusa, Signore, se bussiamo alle porte del tuo cuore siamo noi. Scusa, Signore, se chiediamo, mendicanti dell’amore, un ristoro da Te…

Rit. Così la foglia quando è stanca cade giù… Ma poi la terra ha una vita sempre in più… Così la gente quando è stanca vuole Te… Tu, Signore, hai una vita sempre in più, sempre in più!

2. Scusa, Signore, se entriamo nella reggia della luce siamo noi. Scusa, Signore, se sediamo alla mensa del tuo corpo per saziarci di Te…

3. Scusa, Signore, quando usciamo dalla strada del tuo amore siamo noi. Scusa, Signore, se ci vedi solo all’ora del perdono ritornare da Te…

Canto finale

TI SEGUIRÒ

Rit. Ti seguirò, ti seguirò o Signore, e nella tua strada camminerò.

1. Ti seguirò nella via dell’amore e donerò al mondo la vita.

2. Ti seguirò nella via del dolore e la tua Croce ci salverà.

3. Ti seguirò nella via della gioia e la tua luce ci guiderà.

28/02/2022 | Liturgia del Giorno | Commenti disabilitati su S. Messa nel Mercoledì delle Ceneri – 2 marzo 2022

I commenti sono chiusi.